10 motivi per visitare...

Carignano e Canepari

  1. La Chiesa della Natività di Maria (Carignano)
  2. La tracce di un precedente edificio religioso all’interno della chiesa tramite un’epigrafe con stemma familiare dei “Carzolli” (attualmente Cargiolli), murata sulla parete a sinistra del presbiterio che ricorda la costruzione di un sacellumda parte di Giovanni Andrea Santi dei Cargiolli di Ponzanello nel 1532 (Carignano)
  3. La bella piazzetta del paese dalla quale si accede ad un breve tratto di borgo in galleria (Carignano)
  4. L’area sosta pic nic attrezzata dalla quale si gode un’incredibile vista che spazia dal mare Tirreno alle montagne Apuane ed Appenniniche (località “quattro strade” )
  5. I ruderi della Maestà dei Sarigeri (sentiero CAI n. 285) presso la quale i partigiani ricevevano dalle staffette i messaggi dal fondovalle (località “quattro strade”)
  6. La piazzetta del paese (sede del comando della Brigata Garibaldi “Ugo Muccini” che operò su queste colline durante la Guerra di Resistenza), dove si trova la casa nella quale soggiornò Rudolf Jacobs l’ufficiale tedesco che nel 1943 si unì ai partigiani. ( Canepari)
  7. Il Centro Sociale dedicato ad AlbertoBernardini con annesso campo di calcetto e area tavoli/pic nic con vista panoramica

Dov'è

Carignano

Canepari